mercoledì 30 novembre 2011

vellutata di piselli

Adoro le vellutate. Se non lo avete ancora capito lo capirete, perchè questa non è la prima e non sarà di certo l'ultima ricetta di vellutata che pubblico nel blog.
Ancora una volta mi viene in aiuto Allan Bay, e la ricetta che ci propone ve la riporto tale e quale. Ringrazio ancora Alice, per avermi iniziata e accompagnata nelle ricette di questo libro. Ammetto che stavolta non eravamo molto fiduciose ma il risultato è stato delizioso.
L'unica variante, visto che mi piace cucinare anche per gli altri, sta nelle dosi. Allan scrive una ricetta per due, io la traduco in una per quattro. Ecco qua:
In una casseruola sciogliete 40 grammi di burro, unite 40 grammi di farina e fate tostare mescolando per 5 minuti, [qui vi sembrerà che sia impossibile, un grumo di colla da rimestare per cinque minuti....eppure....] poi versate a filo, continuando a rimestare, 4 bicchieri di brodo di verdure, e cuocete per 10 minuti. Aggiungete 160 grammi d piselli sgusciati, cuocete per 5 minuti e frullate. Riportate a bollore, unite 160 grammi di piselli sbollentati per un minuto, regolate di sale ed emulsionate con due tuorli sbattuti con due bicchierini di panna. Servite con crostini di pane e grana grattugiato. [ma anche senza, è buonissimo lo stesso, provare per credere!].

domenica 20 novembre 2011

Profumi da ... Londra!

Non è facile spiegare a parole la sensazione che si prova entrando in questo piccolo paradiso per buongustai.
The Spice Shop è a Notting Hill, e per arrivarci si fa una meravigliosa passeggiata in una delle parti più belle della città; si arriva lì rilassati, sereni, ed entrando in questo piccolissimo negozio si viene travolti da mille profumi.
Curry, cannella, peperoncino, limone, curcuma, menta, e potrei continuare all'infinito.
Un cartello dietro la cassa ci avverte che i telefoni cellulari non sono graditi, addirittura non verremo serviti se entriamo parlando al telefono.
Questo aggiunge ancora un po' di magia ad un posto che già ne ha da vendere.
Dopo aver trascorso un po' di tempo lì dentro (quanto tempo dipende da voi, fosse stato per me non ne sarei uscita prima di un'ora) vi rimarrà per tutto il giorno il ricordo di quegli odori.

Se volete curiosare un po' c'è anche un sito internet www.thespiceshop.co.uk però lì, chiaramente, non si sente il profumo!

venerdì 4 novembre 2011

polpettone con piselli e carote

premetto: ho usato piselli (surgelati) e carote perché non avevo altro, però soprattutto in estate si possono usare anche le zucchine o i peperoni.

per prima cosa preparate due uova sode (fatele cuocere finché preparate il resto);

tagliate a pezzetti piccoli tre carote e mettetele in una padella con un po' d'olio, due spicchi d'aglio e un po' di piselli surgelati, indicativamente direi sei cucchiaiate, ma se ne mettete un po' di più o di meno fa lo stesso;

aggiungete sale e pepe e lasciate cuocere finché le carote diventano tenere;

una volta cotte togliete le verdure dal fuoco e mettetene un terzo in una grande ciotola, gli altri due terzi frullateli insieme a poco latte con un frullatore ad immersione;

nella stessa ciotola in cui avete messo le verdure aggiungete due manciate di mollica di pane a piccoli pezzi e bagnatela con il latte (potreste bagnarla a parte e poi strizzarla ma la cosa si fa un po' più lunga...);

aggiungete ancora le foglie di un paio di rametti di maggiorana e una buona dose di noce moscata;

a questo punto unite anche 400 grammi di carne macinata mista, di maiale e manzo, un uovo, una cucchiaiata della purea di verdure preparata prima, sale e pepe e impastate tutto con le mani;

prendete un foglio di carta da forno, bagnatelo, strizzatelo e asciugatelo, adagiatelo su una teglia da forno e metteteci sopra il polpettone formando una sorta di cilindro;

con le dita fate due buchi e metteteci dentro le uova sode, copritele poi con un po' di impasto (è più difficile a dirsi che a farsi);

avvolgete il polpettone con la carta da forno, come una caramella, e chiudetelo con lo spago da cucina;

mettete nel forno preriscaldato a 180° per  45 minuti;

toglietelo dal forno e lasciate raffreddare per riuscire a tagliarlo meglio;

quando si è raffreddato tagliatelo a fette, poi rimettetelo qualche minuto in forno perché torni caldo;

infine adagiateci sopra la purea di verdure rimasta (anche questa, se volete, potete scaldarla un po', aggiungendo un po' di latte se vi sembra troppo densa).