mercoledì 30 novembre 2011

vellutata di piselli

Adoro le vellutate. Se non lo avete ancora capito lo capirete, perchè questa non è la prima e non sarà di certo l'ultima ricetta di vellutata che pubblico nel blog.
Ancora una volta mi viene in aiuto Allan Bay, e la ricetta che ci propone ve la riporto tale e quale. Ringrazio ancora Alice, per avermi iniziata e accompagnata nelle ricette di questo libro. Ammetto che stavolta non eravamo molto fiduciose ma il risultato è stato delizioso.
L'unica variante, visto che mi piace cucinare anche per gli altri, sta nelle dosi. Allan scrive una ricetta per due, io la traduco in una per quattro. Ecco qua:
In una casseruola sciogliete 40 grammi di burro, unite 40 grammi di farina e fate tostare mescolando per 5 minuti, [qui vi sembrerà che sia impossibile, un grumo di colla da rimestare per cinque minuti....eppure....] poi versate a filo, continuando a rimestare, 4 bicchieri di brodo di verdure, e cuocete per 10 minuti. Aggiungete 160 grammi d piselli sgusciati, cuocete per 5 minuti e frullate. Riportate a bollore, unite 160 grammi di piselli sbollentati per un minuto, regolate di sale ed emulsionate con due tuorli sbattuti con due bicchierini di panna. Servite con crostini di pane e grana grattugiato. [ma anche senza, è buonissimo lo stesso, provare per credere!].

2 commenti:

  1. ... e quando, come adesso, non è stagione di piselli, si può sempre provare la variante coi piselli secchi (bona, la minestra de bisi spacai). Certo, esistono i surgelati, ma dobbiamo o no cercare di risparmiare energia?!

    RispondiElimina
  2. bravo! la "minestra de bisi spacai" poi è facilissima da fare, oltre ad essere buonissima....
    Questa vellutata invece confesso che l'ho fatta con i piselli surgelati

    RispondiElimina