giovedì 9 febbraio 2012

sformato di pane


Ritorno dopo qualche settimana di assenza per pubblicare una ricetta perfetta per usare il pane avanzato e un'ottima scusa per accendere il forno in queste giornate siberiane.
E' infatti qualcosa che somiglia molto ai kanederli, ma si cuoce appunto nel forno.

Prendete 300 grammi di pane secco, fatelo a pezzetti e mettetelo a bagno nel latte (un po' meno di mezzo litro) per circa 20 minuti con un po' di noce moscata.

Nel frattempo sbattete tre uova intere con un bel pizzico di sale, se volete aggiungete qualche aroma (timo, maggiorana o origano per esempio).

Quando il pane avrà assorbito per bene il latte con le mani riducetelo a pezzettini piccolissimi e poi aggiungete le uova sbattute, una buona manciata di parmigiano grattugiato e arricchite il composto con quello che volete (pezzetti di pancetta, olive, formaggi, funghi, verdure, ecc).
Io avevo nel frigo un vasetto di salsa al tartufo e ce ne ho messo un cucchiaino.

Amalgamate e versate in uno stampo ben imburrato.


Se volete avere un effetto più scenografico, prima di versare il composto adagiate sulla base dello stampo qualche verdurina
(pomodorini, fagiolini, piselli o altro), in questo modo quando sformerete il tutto la decorazione si ritroverà nella parte più alta.

Cuocete in forno già caldo a 180 gradi per 40 minuti: si gonfierà un po', prenderà un po' di colore e sarà abbastanza sodo al tatto.

Lasciate intiepidire prima di sformare.
Potete servirlo con un sughetto al pomodoro.


Nessun commento:

Posta un commento