lunedì 21 maggio 2012

filetto di maiale morbidissimo alla senape

Diciamoci la verità, pochi di noi quando fanno la spesa hanno già in mente una ricetta precisa da preparare. Capita piuttosto, per lo meno a me, l'esatto contrario. Ovvero mi trovo a ricercare affannosamente una ricetta che mi consenta di utilizzare ciò che ho in casa.
Stasera avevo per le mani un filetto di maiale e frugando tra libri di ricette e siti web mi sono trovata a mettere insieme una ricetta che è un compromesso tra altre due, con l'aggiunta di qualche variante.

Il risultato è un piatto delizioso (spazzolato in pochissimi minuti) e la scoperta di un metodo di cottura che utilizzerò tutte le volte che ne avrò il tempo.

Prendete 4 patate medie e tagliatele a fette, alte poco meno di un centimetro. Adagiatele in una teglia insieme ad una mela sbucciata e affettata. Condite con olio, sale e pepe e cuocete nel forno già caldo (a 180°) per 30 minuti.
Nel frattempo in una ciotola unite un cucchiaio di miele, due cucchiai di senape (meglio se avete quella in cui si vedono ancora i grani), un po' di olio di oliva e una spolverata di origano.
Coprite un  filetto di maiale con questa salsa e lasciate a riposare in frigo finché non lo dovrete mettere in forno.

Trascorsi i 30 minuti tirate fuori dal forno le patate e alzate la temperatura fino a 240°, poi mettete in forno il filetto (senza la salsa in eccesso) in una pirofila con poco olio. Mettetelo nella parte alta del forno e lasciatecelo per 10 minuti, dopodichè adagiate il filetto sulle patate, spennellatelo con la salsa e mettetelo nel forno a metà altezza, con lo sportello aperto fino a raggiungere una temperatura di 70°, poi chiudete  lo sportello e lasciate cuocere a questa temperatura per almeno 45 minuti.

Quando tirate fuori la carne iniziate ad affettare dalla metà: il colore deve essere rosa ma non deve essere cruda...se vi sembra cruda rimettete in forno ancora un po'.


Ed ecco da dove è arrivata l'ispirazione:
il blog che mi ha dato l'idea degli ingredienti è One Girl In The Kitchen, ma va detto che la ricetta anche lì era presa da un libro di Donna Hay (questo libro ancora mi manca,  rimedierò!), mentre il libro dal quale ho appreso questa meravigliosa tecnica di cottura è Tenera è la cane ... cotta a bassa temperatura, di Annemarie Wildeisen, pubblicato, tanto per cambiare, da Guido Tommasi Editore (di questo libro invece parlerò senza dubbio al più presto).

Nessun commento:

Posta un commento