domenica 13 luglio 2014

Il genio del gusto

Non è il primo libro ad occuparsi della storia gastronomica italiana, e non sarà nemmeno l'ultimo. E non è nemmeno il promo del genere di cui scrivo in questo mio piccolo blog. Però posso affermare con certezza che, tra quelli che mi sono passati per le mani, è il più godibile dei racconti.
Non si limita a riempire le pagine di date e nomi, ma attraverso aneddoti raccontati in maniera spesso anche molto ironica traccia una storia variegata del gusto in questo nostro paese. Tra il serio e il faceto ci accompagna dalla taverna Le tre rane di Sandro (Botticelli) e Leonardo (Da Vinci)  fino agli spaghetti con polpette liofilizzati che gli astronauti si portarono sulla luna con l'Apollo 11.
Traccia paralleli con l'arte futurista e con il cinema di casa nostra, e senza accorgercene abbiamo fatto un lungo viaggio non solo nei sapori ma anche nella storia italiana degli ultimi mille anni.
Ma il merito più grande è  quello di farti venir voglia di saperne di più anche a proposito di argomenti che magari sono solo accennati.
Per darvi un'idea di quello che ci troverete (e farvi venir senza dubbio voglia di leggerlo) eccovi qui di seguito il sommario. Non vi resta che approfondire.
997: l'anno della pizza
1004: l'anno della forchetta
1154: l'anno degli spaghetti
1279: l'anno dei maccheroni
1402: l'anno dell'insalata
1545: l'anno del prosciutto
1564: l'anno del panettone e del pandoro
1565: l'anno della polenta
1570: l'anno della mozzarella
1573: l'anno del caffè
1652: l'anno del prosecco
1747: l'anno dell'aceto balsamico
1874: l'anno del barolo
1963: l'anno del carpaccio
1964: l'anno della Nutella
1979: l'anno dello spritz

Alessandro Marzo Magno, Il genio del gusto. Come il mangiare italiano ha conquistato il mondo, Garzanti 2014.

Nessun commento:

Posta un commento