sabato 28 febbraio 2015

Tatin di pomodori e cipolla caramellata

tarte tatin pomodori e cipolla caramellataEcco una versione salata facilissima e stuzzicante della tarte tatin.
Se volete preparare un aperitivo o magari qualcosa da portare con voi per un pic-nic con questa ricetta non potete sbagliare. Basta un rotolo di pasta sfoglia già pronto, dei pomodori datterini, una
cipolla o qualche scalogno, una noce di burro, sale e zucchero, timo.

Per la versione alla cipolla:
Fate sciogliere il burro in una padella e aggiungete lo zucchero. Unite le cipolle affettate finemente con un pizzico di sale e fatele caramellare. Trasferitele su una teglia coperta dalla carta da carta da forno a lasciate raffreddare. Bucherellate la sfoglia e adagiatela sopra le cipolle, rincalzandola bene sui bordi.
Infornate a 180 gradi per 15-20 minuti. Lasciate raffreddare prima di capovolgere la teglia e delicatamente togliete la carta da forno.

Per la versione ai pomodori il procedimento è lo stesso, ricordatevi solo di tagliare a metà per lungo i pomodorini mettendoli nella padella con la parte tagliata verso il basso (farete la stessa cosa nell'adagiarli nella teglia) e di aggiungere un po' di timo.

venerdì 20 febbraio 2015

Le mie ricette turche per gli italiani

Aysegul Turker Zanette le mie ricette turche
Aysegul è una donna bellissima, solare e sorridente. Mentre racconta la sua vita e le sue ricette ti trasporta in luoghi lontani, immersi in profumi che mai avresti immaginato di sentire.
Arrivata in Italia dalla Turchia 11 anni fa, racconta di come la cucina l'abbia aiutata a stringere nuove relazioni, ad ambientarsi in un nuovo paese e a far conoscere la sua cultura a tante persone.
L'idea di scrivere un libro di ricette è venuta dopo che spesso i genitori degli amici di sua figlia le chiedevano come preparasse quei piatti che tanto erano piaciuti ai loro bambini.
Il risultato è un libro che racconta piatti turchi realizzati con ingredienti sempre reperibili anche in Italia, e li racconta in modo tale da farti venire subito voglia di provare. Sembrano così facili!
Un merito in più per la riuscita del libro va certamente alla grafica. A farla da protagonista è il melograno, frutto bene augurante in molte culture, insieme ai colori dei caftani turchi.
Per ogni ricetta è a disposizione una pagina di note che ciascuno può utilizzare liberamente.
Le fotografie dei piatti (meravigliose!) restano fuori dal libro ma sono consultabili e sempre aggiornate sulla pagina Facebook dell'autrice.
Insomma, da domani a casa mia si mangia turco!

Aysegul Turker Zanette, Le mie ricette turche per gli italiani. Naonis edizioni, Pordenone 2013.

lunedì 16 febbraio 2015

Kouglof salato (o, dalle mie parti, kuguluf!)

kuguluf kouglof KugelhupfEcco una versione salata di una preparazione, in genere dolce, tipica dell'impero austro-ungarico.
A Trieste, città in cui vivo, ci sono ancora molte tracce di questo passato, anche molto spesso in cucina.
Avevo assaggiato questa specie di pane, alto e saporito, comprandolo in un panificio ma non avevo mai provato a prepararlo, anche perché non riuscivo a trovare una ricetta da seguire.
Ecco allora la mia versione, un insieme di tante ricette e un po' di voglia di sperimentare.

300 grammi di farina manitoba
200 grammi di farina 0
2 cucchiai di lievito secco
2 uova
un cucchiaino di zucchero
3 cucchiaini di sale
50 grammi di burro
acqua q.b.
olive per guarnire

kuguluf kouglof KugelhupfCome tutte le preparazioni molto lievitate prendetevi tutto il tempo necessario.
Io ho iniziato la sera con l'impasto di base per il pane: farina (tutte e due), lievito, acqua, zucchero e sale.
Impastare con l'impastatrice e mettere a lievitare per tutta la notte.
La mattina dopo riprendere l'impasto e aggiungere le uova e il burro. Impastare di nuovo aggiungendo qualche cucchiaio di farina.
Imburrare lo stampo e posizionare le olive sul fondo.
Formare una ciambella con l'impasto e metterla nello stampo.
Lasciar lievitare ancora due ore e poi cuocere per 50 minuti nel forno già caldo a 200°C.
Fare raffreddare prima di sformare.

lunedì 9 febbraio 2015

Pavlova (ancora!) monblanc

pavlova mont blanc marroni castagneContinua la mia ricerca di tutte le varianti possibile per la Pavlova.
Ecco questa meraviglia invernale e ipercalorica (la foto non le rende giustizia...mi toccherà riprovare!), stavolta con la lista degli ingredienti.

4 albumi
200 grammi di zucchero
un cucchiaino di cremortartaro

crema di marroni (già pronta, se avete tempo e voglia potete anche farla da voi)
due confezioni di panna fresca
cioccolato fondente da grattugiare

Preriscaldate il forno a 140°C (anche un po' meno, la mia meringa stavolta si è colorata troppo).

Montate a neve ben soda gli albumi e poi aggiungete delicatamente lo zucchero sempre continuando a sbattere con le fruste.
Aggiungete anche il cremortartaro (la sublime ricetta di Delia Smith non lo prevede) per togliere quel gusto fastidioso che a volte rimane all'albume.

Disponete il composto su una placca da forno dandogli una forma rotonda con un bell'avvallamento al centro.

Cuocete per un'ora circa, dovrete sentirla asciutta all'esterno ma internamente la meringa deve rimanere morbida.

Lasciate raffreddare poi aggiungete a strati la crema di marroni, la panna montata (con pochissimo zucchero, diciamo mezzo cucchiaio) e infine il cioccolato fondente grattugiato.

Questa ricetta, credetemi, va di diritto tra i comfort food!